BonoMedico ItaliaMastoplastica additivaSesso dopo l’aumento del seno

Sesso dopo l’aumento del seno


Commento
Pubblicato in Mastoplastica additiva

Il sesso è una grande motivazione nella vita di qualunque persona e per questo tante donne che si sottopongono ad un intervento chirurgico di aumento del seno esprimono la preoccupazione che provano su come questo intervento possa influenzare la sensibilità dei loro seni e le loro relazioni sessuali.

Sesso dopo l’aumento del seno: domande frequenti

sesso dopo aumento del seno

La prima domanda di solito è quanto bisogna attendere prima di avere rapporti sessuali dopo l’aumento del seno

La prima domanda di solito è quanto bisogna attendere prima di avere rapporti sessuali dopo l’aumento del seno e se il sesso può influenzare il recupero. Anche se sembra ovvio, va chiarito che non si tratta dello stessa cosa avere rapporti sessuali rispetto a toccare o fare pressione sulla zona operata durante il rapporto sessuale. Vale a dire, si possono avere rapporti sessuali normalmente evitando di toccare il seno durante i primi giorni. Si consiglia di attendere almeno 48 ore prima di riprendere l’attività sessuale.

Durante il rapporto sessuale non si deve fare pressione sul petto, quando l’area è infiammata o se si sente dolore. Si deve prestare molta attenzione nei primi giorni. Si raccomanda di non avere alcun contatto diretto con il seno almeno fino a quando i punti saranno rimossi.

Di solito a partire dai 10 giorni si possono accarezzare e dopo tre settimane, si possono toccare con più forza mano a mano che diminuiscono i fastidi. Le carezze soavi sul seno aiutano le donne a normalizzare la sensibilità e aiutano la coppia a perdere la paura di toccare la zona operata. Se si accarezzano bruscamente si può causare dolore o un aumento del gonfiore.

Si possono avere rapporti sessuali normalmente evitando di toccare il seno durante i primi giorni.

sesso dopo aumento del seno

Le carezze al seno durante il sesso non danneggiano la donna

Per un paio di settimane ci può essere una ipersensibilità che infastidisce i capezzoli, ma scompare a poco a poco anche se in quel periodo di tempo questa può condizionare le relazioni sessuali. Quando sono trascorse 6 o 7 settimane si possono toccare o accarezzare i seni con la pressione che la persona desidera, sempre e quando questo non risulti fastidioso.

    Le carezze al seno durante il sesso non danneggiano la donna, dal momento che le protesi non si rompono a causa delle relazioni sessuali né si spostano o ruotano. Neanche la pressione sul corpo del partner danneggia gli impianti.

    Modifiche dopo l’operazione

    Uno dei rischi della chirurgia è quello di perdere la sensibilità erogena ai seni, l’eccitazione dovuta alle carezze. Dipendendo dal punto di approccio -areola, ascella o solco submammario-  si può sentire più o meno sensibilità in alcune aree piuttosto che in altre.

    sesso dopo aumento del seno

    Dopo l’aumento del seno, spesso appaiono modifiche temporanee nella sensibilità del seno

    Dopo l’aumento del seno, spesso appaiono modifiche temporanee nella sensibilità del seno. La sua causa è lo stiramento delle fibre nervose che sono nelle mammelle. Questo stiramento può verificarsi nella creazione della tasca o a causa della presenza dell’impianto. Anche se è difficile, la chirurgia può danneggiare le fibre nervose che danno sensibilità al petto.

    In casi molto rari la perdita di sensibilità è permanente. Invece, vi sono altre donne che dopo l’intervento hanno più sensibilità erogena nel capezzolo e nell’areola e, secondo gli studi, ciò è dovuto al miglioramento dell’autostima, perché la percezione del corpo è migliorata.

    Spesso le pazienti commentano che per alcune settimane gli stimoli sensoriali sul capezzolo sono considerati fastidiosi e persino dolorosi. E’ normale sentire delle scosse dovute alla rigenerazione delle vie nervose. Quando vengono posizionate protesi grandi, il rischio di alterazioni permanenti nella sensibilità del seno è maggiore.

    Le donne con molta sensibilità erogena ai seni dovrebbero parlarne con il loro chirurgo plastico.

    Uno dei rischi della chirurgia è quello di perdere la sensibilità erogena ai seni, l’eccitazione dovuta alle carezze.

    Molte donne collegano la loro autostima con la forma o le dimensioni dei loro seni. Pertanto, se sentono che i loro seni sono più attraenti, avranno più fiducia quando avranno relazioni sessuali e queste saranno molto più piacevoli.

    Il tempo consigliabile per riprendere l’attività sessuale dipende dallo stato generale, dalla sensibilità e dai fastidi che ha ogni paziente nella zona operata.

    Altri articoli che possono interessarti:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *