BonoMedico ItaliaMastoplastica additivaLe protesi mammarie possono scoppiare in aereo?

Le protesi mammarie possono scoppiare in aereo?


Commento
Pubblicato in Mastoplastica additiva

La leggenda metropolitana per eccellenza, quando si parla di aumento del seno, è la possibilità che la protesi mammaria scoppi in aereo. Ad esempio, nel 2009 i mass media latino americani diffusero una falsa notizia, secondo cui alla presentatrice argentina Sabrina Sabrok sarebbe scoppiata una protesi nel seno mentre volava dalla Spagna al Messico. Stando alla notizia, lo scoppio era stato diagnosticato da un medico che si trovava a bordo dell’aereo e appena atterrata la donna era stata ricoverata in ospedale. Fu tutto uno show al limite dell’assurdo, che incrementò la popolarità e le visite nei blog; per molte persone fu sufficiente a confermare la leggenda delle protesi che scoppiano in aereo. Senza andare lontano, un caso simile riguardò nel 1997 la showgirl italiana Carmen Di Pietro.

protesi mammarie scoppiare in aereo

Possiamo escludere che la pressione possa esercitare una qualche azione sulla protesi mammaria

Secondo questa leggenda infondata la protesi esploderebbe a causa della pressione atmosferica; in realtà nella cabina di qualsiasi aereo viene mantenuta la stessa pressione, indipendentemente dall’altezza di volo; possiamo escludere quindi che la pressione possa esercitare una qualche azione sulla protesi mammaria. Inoltre le protesi vengono fabbricate con una resistenza tale da sopportare brusche variazioni di pressione atmosferica o forti impatti. La loro resistenza è addirittura maggiore rispetto agli organi del corpo e potrebbero resistere anche qualora la cabina non fosse pressurizzata.

Alcuni siti internet continuano ad affermare che le protesi a base di soluzione fisiologica rischiano maggiormente di scoppiare in aereo a causa del cambio di pressione e che le protesi con gel di silicone sopportano meglio. Però in tutto questo non c’è alcun fondamento; quello che si può dire riguardo alle protesi con soluzione fisiologica è che i primi modelli potevano presentare una valvola difettosa e non correttamente sigillata e questo poteva dar luogo a fuoriuscite di liquido.

La leggenda metropolitana per eccellenza, quando si parla di aumento del seno, è la possibilità che la protesi mammaria scoppi in aereo.

protesi mammarie scoppiare in aereo

Le donne con protesi al seno possono viaggiare e volare in aereo senza nessun timore o controindicazione

Le prime protesi, se difettose, si sarebbero svuotate non solo in aereo, ma anche in piscina, in ufficio, al mercato, sul divano di casa, vale a dire ovunque, perché il problema era dovuto a un difetto di fabbrica e non ad un cambio di pressione o di temperatura. Da allora le protesi a base di soluzione fisiologica si sono molto evolute e adesso non vanno più incontro a fughe di liquido. Quindi le donne con protesi al seno possono viaggiare e volare in aereo senza nessun timore o controindicazione.

Le attuali protesi in silicone o soluzione fisiologica hanno un rischio di rottura molto basso perché sono di alta qualità; con il passare degli anni, infatti, sono state notevolmente migliorate e i modelli attuali sono dotati di un involucro esterno multistrato, a differenza dei modelli più vecchi che avevano soltanto uno strato.

Non esiste alcuna controindicazione per le donne con protesi al seno che salgono in aereo. Il timore che la protesi possa scoppiare in volo è un mito da sfatare. Se questo fosse vero le protesi che vengono distribuite in tutto il mondo per via aerea arriverebbero rotte a destinazione. La produzione delle protesi mammarie è regolata da controlli di sicurezza molto severi e gli impianti vengono trasportati in aereo da un continente all’altro senza subire alcun danno.

Non esiste alcuna controindicazione per le donne con protesi al seno che salgono in aereo. Il timore che la protesi possa scoppiare in volo è un mito da sfatare.

Altri articoli che possono interessarti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *