BonoMedico ItaliaMastoplastica additivaMassaggi dopo un operazione di aumento del seno

Massaggi dopo un operazione di aumento del seno


Commento
Pubblicato in Mastoplastica additiva

I massaggi dopo l’intervento di aumento del seno sono molto importanti. L’aumento del seno è una delle operazioni di chirurgia plastica più richiesta dalle donne, così come una delle sfide più attraenti per i chirurghi plastici, i quali danno il meglio per riuscire ad avere un seno desiderato dalle sue pazienti, consapevoli che per molte di loro è parte del simbolo della loro bellezza, femminilità e autostima.

massaggi dopo aumento del seno

L’aumento del seno è una delle operazioni di chirurgia plastica più richiesta dalle donne

Bisogna tener conto che non esistono due seni uguali, ognuno ha la propria anatomia ed è normale che esistano asimmetrie tra di loro. La sfida dei chirurghi plastici che lavorano con BonoMedico è servire il gusto estetico di ognuna delle loro pazienti in quanto al volume dei loro seni, elevazione di essi, la scollatura desiderata, il turgore della loro pelle e, in definitiva, avere un aspetto attraente delle sue pazienti.

È abituale che l’uso degli impianti o protesi generi timori o paure tra le donne che hanno deciso di adattare i seni alle loro aspettative. Dobbiamo essere coscienti che la qualità di queste protesi è migliorata tantissimo negli ultimi anni, sia con riferimento all’involucro sia con riferimento alla sua consistenza – liscia o rugosa -, le quali minimizzano il logorio per frizione, ed il gel utilizzato nelle protesi fa si che il seno risulti più naturale al momento del tatto e infine molti più sicuri rispetto alle possibili fughe o rotture.

I massaggi devono cominciare tre settimane dopo l’intervento di aumento del seno.

Cosa si deve conoscere in relazione a questi massaggi dopo un aumento del seno?

  • I massaggi devono cominciare tre settimane dopo l’intervento. Non devono mai iniziare prima delle tre settimane, dato che potrebbe influire nel processo di cura di questo tipo di interventi.
  • massaggi dopo aumento del seno

    Il massaggio deve essere applicato dalla stessa paziente

    Si raccomanda una durata minima di un mese, fino alla data che lo specialista consideri conveniente. Le sessioni possono essere una volta al giorno, con una durata di 40 minuti circa per entrambi i seni, durante la prima settimana di massaggi. Dopo la prima settimana, si potrebbe passare ad una seconda fase di 4 settimane, nelle quali le sessioni dureranno dai 40 ai 60 minuti, e ripetendo questi massaggi da una a tre volte giornaliere. Se è necessario più tempo, bisognerebbe consultare uno specialista tenendo conto che bisogna lasciare del tempo ai tessuti affetti dalla chirurgia dell’aumento del seno, che si recuperino così come la nostra propria mente, affaticata dallo sforzo mentale e fisico.

  • Il massaggio deve essere applicato dalla stessa paziente. Come regola generale, non bisogna recarsi presso centri per massaggi, salvo che lo specialista non prescriva un centro specializzato in questo tipo di terapie.
  • Per realizzare il massaggio non si devono usare lubrificanti. Puo’ farsi uso di olii o creme idratanti dopo il massaggio per alleviare la pelle irritata come conseguenza del massaggio.
  • Quando si inizia il massaggio è conveniente che non si abbia nessun tipo di distrazione.
  • Il massaggio deve essere intenso e profondo, con l’obbiettivo di arrivare alla zona dove si trova lo stesso impianto, in modo che lo stesso possa arrivare ad essere molesto e anche doloroso. Deve capirsi che, anche se è molto intenso, le protesi non si romperanno mai. Così facendo riusciremo a trattare la cicatrice che si è generata intorno all’impianto.

Forme di massaggiare il seno

Rispetto alla forma con cui si deve effettuare il massaggio dopo l’aumento del seno:

massaggi dopo aumento del seno

Per realizzare il massaggio non si devono usare lubrificanti

Immagina che provi a scoppiare un palloncino. Con una sola mano non potresti riuscirci. Quindi, quello che devi fare è fare pressione su quattro punti. I due pollici saranno due punti di pressione. Le altre quattro dita unite di una delle due mani saranno il terzo punto di pressione e le quattro dita unite dell’altra mano saranno il quarto punto di pressione. Arrivati a questo punto, suggeriamo che le unghie delle mani siano corte con l’obiettivo di non fare male. Successivamente bisogna procedere alla localizzazione dell’impianto. Si trova in una zona profonda, al di sopra delle costole.

Una volta sentito l’impianto, lo immobilizziamo facendo pressione in forma moderata. A partire da questo momento è quando realmente comincerà il massaggio terapeutico. Senza lasciare l’impianto, dobbiamo spingere le dita in forma profonda, fino ad arrivare alla cicatrice che circonda l’impianto. Successivamente lasciamo e ripetiamo il gesto ruotando un po’ le mani, a dei centimetri dal punto precedente. Un altro gesto consiste nello spingere dalla parte laterale delle protesi, cercando di unire entrambi i seni al centro e cercare che ruotino su se stesse con molta forza.

Il massaggio deve essere intenso e profondo, con l’obbiettivo di arrivare alla zona dove si trova lo stesso impianto.

Se sei stata operata in uno dei centri di chirurgia plastica che BonoMedico offre per un aumento del seno, si possono applicare queste semplici tecniche, ma sotto stretta prescrizione di uno dei nostri specialisti.

Altri argomenti che possono interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *