BonoMedico ItaliaMastoplastica additivaFasciatura dopo l’intervento di aumento del seno

Fasciatura dopo l’intervento di aumento del seno


Commento
Pubblicato in Mastoplastica additiva

Dopo l’intervento di aumento del seno alcune pazienti possono tornare a casa – se si tratta di intervento ambulatoriale – e le altre vengono ospedalizzate presso la clinica per uno o due giorni. Al momento di lasciare la sala operatoria, il seno verrà fasciato per assicurarsi che le protesi restino nella posizione corretta e che non si verifichi nessun tipo di spostamento o di rotazione.

fasciatura dopo aumento del seno

Nel post-operatorio immediato il seno e il torace vengono generalmente fasciati con un cerotto o un bendaggio

Nel post-operatorio immediato il seno e il torace vengono generalmente fasciati con un cerotto o un bendaggio. In alcuni casi il chirurgo plastico opta per un reggiseno post-operatorio. La paziente dovrà indossare il reggiseno post-operatorio o altro reggiseno contenitivo morbido per tutto il periodo prescritto dal chirurgo. Il reggiseno contenitivo non dovrà comprimere la zona trattata. Spesso viene consigliato di indossare una fascia, dotata di velcro regolabile, che aiuta a spingere il seno verso il suo polo inferiore; lo scopo è quello di favorire l’arrotondamento delle protesi nella zona del solco sotto-mammario ed evitare che queste si adagino nella parte superiore del seno.

Oltre alla fasciatura è possibile che vengano inseriti nelle mammelle tubicini di drenaggio: servono a far defluire il siero che può accumularsi a seguito dell’intervento. Fasciatura e drenaggio verranno rimossi dopo circa tre – quattro giorni. In questo periodo la paziente dovrà avere cura di non bagnare la fasciatura.

fasciatura dopo aumento del seno

Oltre alla fasciatura è possibile che vengano inseriti nelle mammelle tubicini di drenaggio

48 – 72 ore dopo l’intervento di aumento del seno, la paziente dovrà sottoporsi a una nuova visita con il chirurgo plastico che rimuoverà la fasciatura e la sostituirà con uno speciale reggiseno sportivo. Questo dovrà essere indossato giorno e notte, anche per andare a dormire, per tutto il mese successivo all’operazione. Il reggiseno contenitivo potrà essere tolto per lavarsi. Trascorso un mese, verrà indossato unicamente di giorno.

48 – 72 ore dopo l’intervento di aumento del seno, il chirurgo plastico rimuoverà la fasciatura e la sostituirà con uno speciale reggiseno sportivo

Indossare il reggiseno contenitivo può essere un aspetto fastidioso del decorso post-operatorio, ma è necessario per prevenire lo spostamento delle protesi.

Quando vengono rimossi i punti dopo l’intervento?

I punti di sutura vengono rimossi in genere sette-dieci giorni dopo l’intervento e sempre durante la visita di controllo specialistica. Spetta al medico o al personale infermieristico della clinica rimuovere i punti chirurgici, dopo che il medico abbia valutato il seno e il suo processo di guarigione.

fasciatura dopo aumento del seno

I punti di sutura favoriscono la chiusura delle ferite chirurgiche praticate nella pelle

I punti di sutura favoriscono la chiusura delle ferite chirurgiche praticate nella pelle, nei vasi sanguigni e su tutti i tessuti interessati dall’incisione, quest’ultima eseguita per consentire l’inserimento della protesi. Il punto di sutura, eseguito sulla ferita chirurgica, aiuta a ripristinare l’integrità del tessuto favorendo l’avvicinamento stabile dei lembi della ferita che resteranno immobili e potranno cicatrizzare correttamente.

Il chirurgo utilizza, quindi, i punti di sutura per cucire la ferita chirurgica. Dopo aver accostato i due lembi della ferita, il chirurgo esegue un nodo con il filo, affinché restino bloccati fino a guarigione.

I punti di sutura vengono rimossi in genere sette-dieci giorni dopo l’intervento.

I fili chirurgici possono essere costituiti di materiali diversi, tra cui: nylon, seta e vicryl. Quest’ultimo tipo di filo viene assorbito dalla pelle e non richiede la rimozione successiva. Tuttavia, il vicryl viene raramente utilizzato negli interventi di mastoplastica additiva e la paziente in genere deve sottoporsi a successiva rimozione dei punti.

Altri argomenti che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *